Rimedi dei monaci per le vie respiratorie

Dove hanno origine i rimedi per le vie respiratorie? Cosa c’entrano i monaci?

 

Tutta la medicina moderna è basata su principi attivi estratti da erbe spontanee.

A partire dalle invasioni barbariche nel V secolo DC, ebbe inizio il movimento benedettino alla base del quale c’era una vita semplice, basata sulla preghiera, il proprio lavoro e ciò che Dio concedeva loro attraverso la natura. I monaci prediligevano una vita solitaria, a volte eremitica lontano dalle mondanità, per cui i loro insediamenti si trovavano comunemente non in centri abitati ma in mezzo a boschi, colline, sperduti tra le montagne.

Lo stesso San Benedetto prima di iniziare la vita monastica intraprese la vita eremitica imparando a vivere di quel che il bosco gli concedeva. Imparò quindi l’arte alimurgica cioè cibarsi di piante spontanee imparando a discernere tra le buone e le velenose.

Così nei secoli successivi i monaci divennero esperti botanici ed erboristi capaci di realizzare straordinari rimedi a molteplici malanni. L’esigenza di accogliere i pellegrini, ma anche di curare i fratelli infermi, fece sì che svilupparono una profonda conoscenza delle proprietà curative delle erbe spontanee, ponendo le basi dell’attuale medicina occidentale.

Tra le varie capacità dei monaci sicuramente emerse la sapienza di realizzare rimedi per i disturbi alle vie respiratorie. La vita di un monaco o di un eremita era facilmente esposta a malanni, dovuti ad alloggi freddi, abiti leggeri e prolungati digiuni che rendevano la salute facilmente cagionevole. Difficilmente superavano inverni rigidi senza ammalarsi e la penicillina non era ancora stata inventata.

Tosse, mal di gola, laringiti, sinusiti, bronchiti erano all’ordine del giorno, era quindi necessario per i monaci imparare i principi di botanica e capire le virtù medicamentose delle erbe spontanee e tradurle in rimedi di vario genere per la cura di questi malanni. I monaci divennero così straordinari botanici, erboristi e medici, tra i primi ad insegnare i principi di medicina nelle università intorno all’anno mille. Divennero medici di re e papi fondarono i primi ospedali e tradussero in rimedi straordinariamente efficaci il loro sapere ancora oggi studiato.

Se a questo aggiungiamo l’apicoltura come pratica ampiamente diffusa all’interno dei monasteri, otteniamo che i monaci riuscirono a trasformare erbe, miele e propoli in creme, balsami, unguenti, pastiglie, elisir, tonici, estratti, tisane……. utili come lenitivi, espettoranti, antinfiammatori, balsamici…… straordinari rimedi contro i malanni delle vie respiratorie.

Accedi su www.bottegadelmonastero.it per i tuoi acquisti

 

Rimedi vie respiratorie

 

 

 

 

 

 

Botteghe e Mestieri © 2007-2018 Cooperativa Sociale Botteghe e Mestieri, Via Tebano, 150·Faenza (RA) Italy·tel. 0546 47202·p.iva 02188610394